Menu
Ora in onda
ASCOLTA Radioitalia GUARDA Radioitalia TV WEBRADIO
Ascolta
TROVA LA TUA FREQUENZA SPOLETO (PG) 99.100

Cristina D'Avena, Duets Forever: “Sogno di cantare con Raffaella Carrà” L'artista svela qual è la canzone italiana che avrebbe voluto interpretare 10-12-2018

Cristina D'Avena presenta a Radio Italia il suo nuovo album “Duets Forever – Tutti cantano Cristina”, che segue il successo di “Duets”. I duetti con Fabrizio Moro, Pattty Pravo ed Elisa, l'esordio a Lo Zecchino d'Oro e Raffaella Carrà: la regina delle sigle dei cartoni animati si racconta nell'intervista con Mauro Marino e Manola Moslehi.

Parliamo di “Duets Forever – Tutti cantano Cristina”...È un proseguimento del Duets uscito l'anno scorso. Ne vado molto fiera perché le mie canzoni, ovvero quelle dei nostri cartoni animati che abbiamo cantato e ricantato, le ho finalmente duettate con i miei colleghi. Sapere che Alessandra Amoroso, Lo Stato Sociale, Elisa, Annalisa cantano una mia sigla mi emoziona, ne vado orgogliosa”.

L'obiettivo da raggiungere, e magari da superare, è quel Disco di Platino che hai ottenuto con “Duets”... Sei stata la prima donna a debuttare nel 2017 con un album al primo posto...L'anno scorso abbiamo raggiunto riconoscimenti importanti e adesso vediamo quello che succede, non ci possiamo lamentare”.

Come è nata la tua storia musicale? Io nasco dallo Zecchino d'Oro, con 'Il valzer del moscerino', che è ancora nel cuore di tutti. Io poi sono rimasta nel Piccolo Coro dell'Antoniano e da lì ho sempre cantato. Nel 1980 circa cercavano una ragazzina giovane che potesse interpretare una sigla, vennero all'Antoniano, io avevo 16 anni, andai a fare un provino a Milano con mio padre e dopo qualche giorno mi ricontattarono. Da lì è nato tutto, da 'Bambino Pinocchio' in poi... 'Do re mi... five' è stato il mio primo album”.

Abbiamo ascoltato la versione dei Puffi cantata con Patty Pravo... Lei è proprio Patty, l'ha cantata alla Patty Pravo. Il bello è che ogni artista rimane se stesso. Ho chiesto agli artisti di tornare bambini, qualcuno ha chiesto di poter fare una sigla, Elisa si è scelta 'Memole' perché lei è un po' folletto, mentre Lo Stato Sociale ha voluto cantare 'Denver'”.

Nell'album ci sono 16 duetti. Come è nato accostamento tra l'artista e il brano?Sono tutti artisti che io seguo, o su Twitter o andando ai concerti. Ho fatto una ricerca sulla timbrica e sulla personalità dell'artista. Quando ho contattato Fabrizio Moro avevo pallino de 'Il Tulipano Nero', perché lui ha una timbrica graffiante e forte. Lui ci ha pensato un attimo perché non conosceva benissimo il brano poi dopo qualche giorno mi ha detto ''. Qualcuno ha cantato il brano che volevo, con qualcun altro non ce l'ho fatta”.

Il Volo ha cantato “I tre moschettieri”... Per forza, sono loro, così come i The Kolors si sono calati nella parte di Alvin, perché è la loro storia, e si sono arrangiati il pezzo”.

Possiamo dire che non c'è Duets senza tre? Potrebbe esserci una terza parte, magari con Gianni Morandi o Zucchero?Come no? Morandi lo conosco benissimo, Zucchero no ma sono andata a vedere tutti i suoi concerti. Magari... Vorrei che pubblico ascoltasse questa musica nuova, perché è di qualche anno fa ma è riarrangiata. Proprio perché hanno un vestitino nuovo i bimbi di oggi se le possono ascoltare in queste nuove versioni rock”.

Quanti pezzi hai scritto e qual è quello che ti rappresenta di più?Più di 700. Io sono molto legata a 'Kiss me Licia', anche perché sono stata la Licia in carne ed ossa. Anche Creamy mi piace molto e mi rappresenta per la dolcezza e per il fatto di essere bimba e donna allo stesso tempo. Sono ancorata alla mia infanzia ma ho tutte le mie responsabilità di donna”.

Rimaniamo tutti bambini grazie a te...Io sono felice, ai miei concerti dico sempre che dobbiamo rimanere tutti un po' bambini. Noi a volte teniamo la nostra infanzia un po' nascosta ma quando cantiamo le sigle automaticamente spunta fuori come un fungo e ci fa sorridere, ci fa star bene. È una musica che ci dà la possibilità di evadere dalla realtà”.

Visto che siamo a Radio Italia, c'è una canzone italiana che avresti voluto cantare perché ti piace particolarmente? Una delle canzoni che ho riascoltato molto ultimamente è 'I migliori anni della nostra vita' di Renato Zero. È una canzone che, oltre a essere nelle mie corde, è molto bella e sprigiona tanto amore. Ci sono anche 'A te' di Jovanotti oppure una canzone di quando ero una ragazzina, di Antonello Venditti. E sempre da giovane ero innamorata di 'Ti amo' di Umberto Tozzi e di 'E tu' di Claudio Baglioni. Sono molto romantica”.

Nel fuori onda abbiamo chiesto a Cristina con quali altri artisti potrebbe duettare, lei ha detto Renato Zero e...E Raffaella Carrà. Non so dire quale canzone, ma un duetto con lei lo farei eccome. Io potrei cantare il Tuca Tuca e lei una mia sigla”.

Gli instore sono un gran successo, hai dovuto aggiungere alcune date a grande richiesta. E poi, in vista di Natale, c'è anche un cofanetto...È capitato che molti non trovassero più il Duets 1, visto che sono sigle che cronologicamente si susseguono, dagli anni 80 ai 2000. Così abbiamo pensato di fare un cofanetto con i due album”.

Tra l'altro è molto bella la copertina...È stato amore a prima vista. La trovo molto americana”.

Agli instore ci sono anche molti bambini. Cosa ti dicono quando ti vedono?Mi abbracciano e mi baciano. Ieri c'erano molti bambini in fila, uno si è presentato e mi ha detto: 'Io sono un tuo fan da tanto tempo'. Avrà avuto 7 anni. Un po' stanno andando in onda alcuni cartoni animati, un po' recuperano le sigle da internet grazie alle mamme. Agli instore tanti papà e mamme vanno a recuperare i figli per una foto ma in realtà sono loro che vorrebbero farla”.

 


Autore:
Chiara Cipolla
10-12-2018 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Informativa breve e richiesta consenso sull’uso dei cookie
Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per le proprie funzionalità e/o per inviarti pubblicità, contenuti e servizi in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ACCETTO